STATUTO


TITOLO PRIMO
COSTITUZIONE SEDE DURATA

ART.1
È costituita mediante libera adesione l'Associazione di volontariato denominata SCUOLAVIVA, ai sensi della legge 266/91.

ART. 2
La sede sociale dell'Associazione è in Reggio Emilia, via Rivoluzione d’Ottobre, n. 27

ART. 3
L'associazione ha durata illimitata e può essere anticipatamente sciolta a norma del presente statuto.


TITOLO SECONDO
SCOPI

ART. 4
L'Associazione persegue il fine della solidarietà civile, culturale, sociale con l'assenza di ogni finalità di lucro, svolgendo la propria attività gratuita, in stretta relazione con l’Istituto Comprensivo “A. Ligabue”, a favore di giovani studenti e studentesse, di adolescenti sia normodotati sia diversamente abili del territorio, per sostenere e favorire il processo di crescita, integrazione e valorizzazione soggettiva di ognuno.

ART. 5
In particolare per il perseguimento degli scopi sociali l'associazione può svolgere attività di:

  • tutoraggio di ragazzi e ragazze (anche disabili) durante lo svolgimento di attività integrative extra-curricolari (Laboratorio Musicale, Laboratorio di Pittura, Laboratorio di Teatro ecc..) condotte da Docenti dell’istituto Comprensivo “A. Ligabue” ;
  • collaborazione, in esperienze di tutoraggio, all’interno di attività educative (Gancio Originale, G.E.T.) promosse da Soggetti Istituzionali (Ente Locale, A.U.S.L.), in collaborazione con l’Istituzione Scolastica “A. Ligabue” ;
  • arricchimento socio-educativo e culturale mediante la costituzione di gruppi di lavoro monotematici e realizzazione di esperienze sui temi del Linguaggio Filmico, delle Problematiche Giovanili, del Linguaggio Musicale, dell’Ambiente ecc…
  • organizzazione di esperienze formative e informative inerenti le molteplici problematiche che appartengono all’universo socio-culturale delle giovani generazioni ;
  • collaborazione, su richiesta, con l’Istituzione Scolastica per la organizzazione di momenti informativi sul tema dell’Orientamento Scolastico.

TITOLO TERZO
I SOCI

ART. 6
Possono essere soci dell'Associazione di Volontariato SCUOLAVIVA

  • i Docenti ed ex Docenti dell’Istituto Comprensivo “A. Ligabue” ;
  • Genitori ed ex Genitori dell’Istituto Comprensivo “A Ligabue” ;
  • ex alunni e ex alunne della Scuola “Dalla Chiesa” ;
  • persone fisiche che abbiano compiuto i quattordici anni di età, che ne condividono le finalità, che sono mosse da spirito di solidarietà e che intendono partecipare alle attività sociali.

L'ammissione all'Associazione, da richiedersi per iscritto, è deliberata dal Consiglio Direttivo ; Il diniego di iscrizione deve essere motivato e comunicato. Avverso detto diniego è possibile presentare ricorso all'Assemblea.

ART. 7
I soci aderenti all'Associazione, nel rispetto del principio della democraticità, hanno il diritto di eleggere il Consiglio Direttivo. Spettano ad essi anche i diritti di informazione e controllo stabiliti dalle leggi e dallo statuto.

ART. 8
I soci sono tenuti a svolgere la propria attività in modo personale, spontaneo e gratuito obbligandosi al rispetto degli impegni presi. Ciascuno coopera al raggiungimento degli scopi sociali secondo le proprie capacità, attitudini e abilitazioni. L'attività dei volontari non può essere retribuita in alcun modo dal beneficiario. Al volontario possono essere soltanto rimborsate le spese effettivamente sostenute per l'attività prestata. I soci che prestano attività volontaria saranno assicurati, dalla associazione, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento delle attività e per la responsabilità civile verso terzi.

ART. 9
Il rapporto associativo si scioglie, oltre che per la morte del socio, per recesso, per esclusione o per decadenza : a) il recesso diviene efficace sei mesi dopo la relativa comunicazione; b) l'esclusione può essere disposta per comportamento del socio ritenuti contrastanti con le finalità associative, previa contestazione dei fatti e acquisizione delle giustificazioni; c) la decadenza del socio viene dichiarata in caso di mancato pagamento della quota annuale fissata dall'Assemblea, decorsi inutilmente trenta giorni dall'invito del sollecito formale.


TITOLO QUARTO
GLI ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

ART. 10
Sono organi dell’associazione:

  • l'Assemblea degli associati;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Presidente.

Le cariche associative sono gratuite.

ART. 11
L'assemblea è composta da tutti i soci dell'Associazione, risultanti da apposito registro tenuto a cura del Consiglio Direttivo. Alla assemblea compete: a) eleggere il Consiglio Direttivo b) approvare il bilancio c) approvare i regolamenti associativi d) approvare le modifiche statutarie e) deliberare lo scioglimento dell'associazione L'Assemblea dell'Associazione deve essere convocata almeno una volta all'anno per l'approvazione del bilancio. La convocazione è fatta dal presidente mediante avviso scritto contenente l'ordine del giorno, da inviarsi sette giorni prima della data stabilita per l'Assemblea. L'Assemblea deve, inoltre, essere convocata quando se ne ravvisa la necessità o quando ne è fatta richiesta motivata da almeno un decimo dei soci. In prima convocazione l'Assemblea è validamente costituita quando interviene la maggioranza dei soci. In seconda convocazione essa è validamente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti. Le deliberazioni dell'Assemblea sono sempre prese con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei votanti, non computandosi nel numero gli astenuti. Le modifiche dello statuto devono essere approvate con la partecipazione della maggioranza dei soci ed il voto favorevole dei tre quarti dei presenti. Lo scioglimento dell'Associazione deve essere deliberato con il voto favorevole di almeno tre quarti dei soci, indipendentemente dalla convocazione. Le votazioni vengono espresse in forma palese tranne quelle riguardanti persone. E’ ammesso il voto per delega; ogni socio non può rappresentare più di altri due soci. Non possono essere delegati membri del Consiglio Direttivo.

ART. 12
Il Consiglio Direttivo è composto da un numero variabile di membri con un minimo di tre ed un massimo di nove, eletti dall'Assemblea, previa determinazione del loro numero. Essi durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Il Consiglio è convocato dal Presidente quando lo ritiene opportuno o quando ne è fatta richiesta da almeno due consiglieri. Il Consiglio ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione che non siano riservati all'Assemblea. Spetta al Consiglio Direttivo la predisposizione del bilancio della Associazione. Il Consiglio può delegare alcuni dei propri poteri al Presidente o ad uno o più Consiglieri. Le deliberazioni del Consiglio sono valide con la presenza della maggioranza dei Consiglieri in carica e con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

ART. 13
Il Presidente dell'Associazione viene eletto dal Consiglio Direttivo tra i suoi componenti maggiori di età, con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei suoi componenti. Il Presidente rappresenta l'Associazione e compie tutti gli atti giuridici che impegnano l'Associazione. Egli presiede l'Assemblea e il Consiglio Direttivo, ne cura l'ordinato svolgimento e provvede che le deliberazioni prese vengano attuate.


TITOLO QUINTO
PATRIMONIO - ESERCIZIO FINANZIARIO - PERSONALE

ART. 14
L'Associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento della propria attività da:

  1. quote associative;
  2. contributi di soggetti pubblici e privati;
  3. liberalità, donazioni e lasciti testamentari;
  4. rimborsi derivanti da convenzioni;
  5. entrate derivanti da attività produttive e commerciali di carattere marginale;
  6. ogni altro tipo di entrata prevista dalla legge.

ART. 15
I proventi derivanti da attività commerciali o produttive di carattere marginale sono inseriti in apposita voce del bilancio dell'Associazione e utilizzati nel rispetto delle finalità statutarie e delle leggi sul volontariato.

ART. 16
L'esercizio finanziario dell'Associazione è annuale e decorre dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Il bilancio consuntivo della gestione è approvato dall’Assemblea entro il 30 giugno successivo alla chiusura dell’esercizio finanziario. Eventuali avanzi di gestione non possono essere distribuiti fra i soci, ma devono essere impiegati per il perseguimento delle finalità associative.

ART. 17
L'Associazione può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di collaboratori esterni esclusivamente nei limiti necessari al suo regolare funzionamento oppure occorrenti a qualificare o specializzare l'attività svolta nel rispetto di quanto disposto dalle legge sulle organizzazioni di volontariato.


TITOLO SESTO
CONVENZIONI

ART. 18
Le convenzioni tra l’Associazione e gli enti pubblici o altri enti e soggetti sono adottate con deliberazione del Consiglio Direttivo.


TITOLO SETTIMO
SCIOGLIMENTO

ART. 19
In caso di scioglimento dell'Associazione, i beni che residuano al termine delle operazioni di liquidazione, saranno devoluti ad altre organizzazioni di volontariato individuate dalla Assemblea tra quelle operanti in analoghi settori.

ART. 20
Per quanto qui non espressamente regolato si fa integrale rinvio alle norme di cui agli artt. 14 e ss. del codice civile e alla legge 266/91.

 


ScuolaViva - via Rivoluzione d’Ottobre, 27 c/o Media Dalla Chiesa, 42123 Reggio Emilia - CF: 91115910357

Contribuisci al miglioramento della scuola dei tuoi figli devolvendo il 5‰

Come fare

 

 
     
 

Prossima Riunione

Mercoledi 22 Maggio 19,15 presso Scuola Don Guglielmi

 
     

 

Scarica lo statuto

Per qualsiasi segnalazione riguardo
ai contenuti del sito, inviate una email a:
postmaster@scuolaviva.eu